Grazie al Tanka!

Dopo essere scappati dall’Arbatax Resort siamo riusciti a trovare posto per il resto della nostra vacanza qui, tra i due Resort non c’è paragone nonostante abbiano le stesse stelle.
La struttura è molto ampia e più risultare dispersiva, c’è un trenino interno che permette di spostarsi da una parte all’altra del resort, ma ha orari limitati: nessun passaggio nelle ore più calde del giorno.
Ci sono servizi che vengono offerti per i bambini più piccoli quali passeggino a disposizione e biberoneria che offre cibi freschi oltre a pannolini, latte vaccino e formulato.
A mio avviso alcune cose andrebbero migliorate:
PULIZIA DELLE CAMERE: molto approssimativa
CIBO: decisamente abbondante, ma a differenza di altri buffet in cui i cibi vengono reinterpretati ogni giorno, lì erano sempre gli stessi. Apprezzabili gli angoli di primi e secondi serviti caldi.
SALA DA PRANZO: ampia, ma non abbastanza per tutti gli ospiti, oltre al fatto che soltanto una parte molto piccola era dotata di aria condizionata e quei pochi tavoli vengono prima riservati a persone con disabilità (più che giusto) e membri dell’animazione. Inoltre non sono presenti seggioloni a sufficienza (ce ne sono soltanto 3!) e a quel che abbiamo potuto vedere non sono mai stati puliti. C’è sicuramente da dire che il personale di sala era davvero splendido! Una su tutti Paola una ragazza dolcissima.
SPIAGGIA: ampia e ben organizzata, personalmente avrei preferito trovare già nel preventivo i costi base della spiaggia poiché credo sia abbastanza normale voler andare in spiaggia in un soggiorno al mare. Parlo di tariffa base in quanto il costo di lettini e ombrellone cambia in base alla fila che si decide di occupare, basterebbe includere il costo più basso proponendo poi un supplemento per le file più vicine alla riva (in altri resort adottano questa tecnica).
Diciamo che finora è stata la miglior struttura provata in Sardegna (ne abbiamo visitate 5), ma ci sono netti margini di miglioramento!

Rispondi