Le domande frequenti a chi ha gemelli

Oggi voglio affrontare un argomento diverso da quello dei viaggi e strapparvi due risate.

Andare in giro con un passeggino attira già di per se l’attenzione dei passanti, un passeggino gemellare fa si che l’occhiata fugace incrociando una persona per la strada, si trasformi in una conversazione, ogni volta uguale!

Le domande che vengono fatte a genitori di gemelli da perfetti sconosciuti incontrati per caso e, diciamolo, decisamente curiosi sono sempre le stesse:

Ma sono gemelli? E’ la domanda che la fa da padrone! Se uno va in giro con due bambini nel passeggino che possono anche essere uno un po’ più grande è uno un po’ più piccolo, ma di certo non da far pensare ad almeno 9 mesi di distanza tra i due, cosa possono mai essere? Mio marito una volta, rimasto solo con il passeggino fuori da una banca ha seraficamente risposto “no, sono bigamo!”

Ma una è più grande è una è più piccola… ma va?? Tu pensa che le abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni e non ci siamo mai accorti che tra le sue bambine ci sono 2 kg di differenza!!! Incredibile!!! Meno male che sei arrivato tu e con il tuo occhio di falco te ne sei accorto e ce ne hai reso partecipi!!!

Ma sono uguali? Si! Davvero mentre guardi le bambine mi chiedi se sono uguali, o meglio, prima mi fai notare che una è più grande e una più piccola e poi mi chiedi se sono uguali??? Ma davvero???

Ma avete gemelli in famiglia? Ora, che la risposta sia positiva o negativa, cosa ti cambia saperlo? Ti occupi di sondaggi???

Ma le vesti uguali? La risposta dovrebbe essere lampante dato che hai la testa infilata nel passeggino, ma evidentemente non è così e preferisci sentirtelo dire più che constatarlo da solo!

Ma quando piange una piange anche l’altra? Si certo! Per osmosi, se una cade e sbatte la faccia per terra piange anche l’altra per solidarietà!

Ma sono un maschio e una femmina? Ok questa non è una domanda da gemelli, ma quando si hanno due gemelli le persone prendono per scontato che siano un maschio e una femmina. Non importa che siano agghindate e infiocchettate come un uovo di Pasqua o che siano due maschietti vestiti da rapper: saranno SEMPRE un maschio e una femmina!

C’è anche un’altra domanda che mi viene spesso posta ed è “ma come fai? Non è faticoso?” Non rispondo qui perché è un discorso molto ampio e decisamente da approfondire…

Rispondi