Kos e Creta (prima parte)

Questo è stato il primo viaggio organizzato dal mio, all’epoca, fidanzato ed io e purtroppo abbiamo avuto la pessima idea si rivolgerci ad un’agenzia viaggi anzi due, ma cominciamo dall’inizio…

Era il lontano 2007 e, insieme da pochi mesi, decidiamo di passare insieme le vacanze e, dopo una lunga conversazione, la scelta ricade sulla Grecia, ci rivolgiamo ad un’agenzia per l’organizzazione del viaggio e qui ci consigliano un bed and breakfast a Kos che sulla carta non sembra niente male. Parlandone tra noi decretiamo che una sola settimana è un po’ poco così ci rivolgiamo ad un’altra agenzia che ci propone un’altra settimana a Creta in un villaggio all inclusive. Dettaglio da non sottovalutare, non avendo prenotato con la stessa agenzia ci troviamo con un volo andata e ritorno per Kos ed uno andata e ritorno per Creta.

Il bed and breakfast con vista mare non è esattamente così come descritto: vedere il mare è impossibile e la struttura vecchiotta, ma alla fine non ci importa lo utilizzeremo soltanto per doccia e nanna. L’isola è piccola, ma carina e nasconde calette tranquille. Per girare l’isola basta uno scooter e offre poche attrazioni, nulla di più di qualche spiaggia, ricordo tra le altre Paradise Beach più o meno a metà isola.

Non è una meta molto turistica, o almeno all’epoca non lo era, ricordo una sera in cui eravamo a Kos Town ed entrati in un’edicola abbiamo chiesto se potevamo avere una penna in inglese e l’edicolante ci ha fatto capire di non conoscere la lingua: abbiamo risolto chiedendo una Bic.

La settimana passa tra una spiaggia e l’latra oltre che alla ricerca di un modo per raggiungere la nostra meta successiva: Creta. Da un’agenzia viaggi del luogo ci siamo fatti dare qualche consiglio e alla fine l’unica soluzione è stata un aliscafo fino a Rodi per poi prendere una nave che ci avrebbe condotti a Creta, ma questo lo racconterò la prossima volta. 😉

Rispondi