Las Vegas

La prima volta che siamo stati a Las Vegas è stato per il nostro viaggio di nozze, rappresentava la nostra prima tappa in un tour itinerante che sarebbe durato quasi un mese. Ci siamo tornati dopo qualche anno e l’abbiamo riscoperta.

L’arrivo in aeroporto mi ha lasciata a bocca aperta: nella zona dove si concentrano tutte le compagnie di noleggio auto, proprio nel centro c’è una una piattaforma sulla quale troneggiano slot machine, così… giusto per ambientarsi subito con la città.

Uscendo dall’aeroporto è difficile non capire la direzione da prendere: le luci della città sono un faro e spiccano in mezzo al deserto.

Las Vegas con i suoi casino’ e i suoi spettacoli serali non può essere altro che un parco giochi per adulti. La Strip è la strada principale dove si concentrano gli hotel più famosi. I casinò sono aperti 24 ore su 24 e, una volta dentro, non si percepisce più la differenza tra giorno e notte.

Il caldo è davvero incredibile, lo si rende sopportabile soltanto entrando ed uscendo dai vari hotel per vedere con i propri occhi fino a che punto può spingersi la fantasia dell’uomo. Ogni hotel ricorda una città e così ci si trova immersi nello skyline di New York con tanto di Statua della Libertà e montagne russe per poter ammirare il panorama anche a testa in giu; si può cenare sulla Tour Eiffel o passeggiare tra boulangerie e patisserie sotto il “cielo” dipinto di Parigi; fare un giro in gondola tra i canali di Venezia dopo aver passeggiato sul Ponte di Rialto; perdersi tra le statue e le fontane di Roma; perdersi nella hall più grande del mondo al Luxor hotel dove gli ascensori anziché in verticale salgono in diagonale. Il giro completo di tutti gli hotel porta via un’intera giornata. Vi chiederete: e devo passare la giornata a visitare hotel? Sì, ne vale la pena, come dicevo prima è un parco giochi per adulti, una ricostruzione del mondo in una via, cambiando i vari hotel sembra di trovarsi in un altro mondo, le ricostruzioni sono perfette.

Oltre alla spettacolarità degli hotel e agli spettacoli di artisti internazionali come Celine Dion o David Copperfield i cui biglietti nonostante i prezzi esorbitanti vanno a ruba, vengono organizzati spettacoli negli allestimenti esterni degli alberghi con scadenza oraria, come i famosi giochi d’acqua delle fontane del Bellagio viste in numerosi film o il meno conosciuto spettacolo di pirati del “Treasure Island Hotel”.

Le altre attrattive interessanti possono essere:

  • il negozio Harley Davidson: che si sia appassionati o meno del genere, un giro ne vale la pena, al suo interno si trova davvero di tutto e la moto gigante che salta fuori dal negozio è già di per sé un’attrattiva;
  • M&M’s Store: così come in altre città del mondo è presente questo negozio completamente dedicato ai famosi confetti al cioccolato, e come ogni store della catena le quattro mascotte reinterpretano personaggi e situazioni celebri della città che rappresentano;
  • Coca Cola Store: qui tutto ha la forma della bottiglia della famosa bevanda gassata, anche i cestina della spazzatura. All’interno dello store si trova di tutto: palline di Natale, cavatappi, lampadari, insegne luminose, felpe, grembiuli e chi più ne ha più ne metta. Al piano superiore c’è il bar dove si può scegliere la degustazione di Coca Cola dal mondo o, la stessa versione, con in più una pallina di gelato alla vaniglia: da provare!

Appena fuori dalla Strip i lussuosi hotel lasciano il posto ai più discreti motel, le chiesette per i famosi matrimoni celebrati da Elvis non si contano, così come i banchi dei pegni, il più conosciuto “Gold & Silver Pawn Shop” reso famoso dalla trasmissione televisiva “Affari di famiglia”: ormai il loro business principale più che all’acquisto di oggetti d’antiquariato sembra legato alla vendita di souvenir.

Uno dei luoghi da visitare appena fuori il centro di Las Vegas è il circuito Nascar: purtroppo non siamo riusciti a visitare il suo interno, ma organizzano tour guidati.

Altro luogo poco distante dal Las Vegas la Hoover Dam che prende il nome dall’omonimo presidente americano rientra nei luoghi da non perdere.

Uscendo da questa prima zona che circonda il fulcro di Las Vegas, un altro cambio di scenario: il degrado più assoluto. I senza tetto non si contano e le baracche prendono il posto delle case: qui si vede un vero spaccato degli Stati Uniti tra ricchezza e povertà.

Voi come vedete Las Vegas? E’ una città che vi incuriosisce o che non visitereste mai?

Rispondi