Maui

Per la parte rilassante del nostro viaggio di nozze abbiamo optato per le Hawaii e nello specifico per Maui.

Come descrivere Maui in una parola? PA-RA-DI-SO!!!

Cominciamo dall’inizio! Siamo stati accolti all’aeroporto di Kahului da una ragazza in abiti del luogo che aveva per noi due Lei, le collane formate da fiori, tipiche di queste isole. Il tragitto dall’aeroporto fino a Kaanapali, dove sorge il nostro hotel, taglia l’isola a metà e così attraversiamo piantagioni di ananas e canna da zucchero.

Lei: tipica collana di fiori

Il resort, che prende il nome dalla cittadina, è davvero molto carino e direttamente sull’oceano, il cibo ottimo ed il personale gentilissimo. Vengono organizzati corsi di ogni tipo tutti in stile hawaiano, dal corso di Lei a quello di Hula da cui non posso tirarmi indietro, la tentazione è davvero troppo grande, il risultato un po’ meno!!

Per un paio di giorni decidiamo di fermarci, riposarci e goderci questo meraviglioso mare, ma già il terzo giorno decidiamo di noleggiare un’auto, visitare le città vicine e scoprire nuove spiagge una delle quali è Makena, rude ed incontaminata con alberi che si spingono a riva.

Makena Beach

Maui è considerata la “più hawaiana” di tutte le isole. Qui sulla spiaggia non ci sono soltanto i grattacieli che si possono incontrare a Big Island, ma anche piccoli resort a due piani. Lahaina la città a noi più vicina è molto carina, la via principale che costeggia l’oceano è interamente composta da piccoli negozi di souvenir, abbigliamento, ristoranti e venditori di perle. Qui decidiamo di prenotare una crociera con cena che parte in serata per poter godere dell’isola anche dal mare: il tramonto è memorabile.

Tramonto

Negli ultimi due giorni decidiamo di restare all’interno del resort e qui scopriamo Black Rock dove una decine di tartarughe Caretta Caretta vivono per nulla spaventate dalla presenza umana tanto da nuotarci accanto.

Nuotare con le tartarughe

L’ulitma sera viene organizzata una festa a tema con ballerine di hula e musicisti con l’ukulele.

Hula e ukulele

Il giorno della nostra partenza è arrivato, dopo questo viaggio ne avremmo fatti molti altri, in luoghi altrettanto belli, ma questo resta l’unico posto in cui abbiamo percorso tutta la tratta hotel/aeroporto con le lacrime agli occhi. Quest’isola ci è rimasta nel cuore, per il suo mare, i suoi tramonti, il cibo, ma soprattutto per la sua gente: persone gentile e solari che difficilmente dimenticheremo.

C’è un posto che più di tutti vi è rimasto nel cuore?

Rispondi